.
Annunci online

laBANDAdelTORCHIO
Signori si nasce ed io lo nacqui.
 
 
 
 
           
       

per S.
la mia compagna..

Questo amore
 improvviso.. 
Così spontaneo
forte..  deciso..
Così entusiasta
Questo amore mio.. tuo.. 
Questo amore temerario..
Ci ha risvegliato dal torpore..
di ferite ancora aperte....
Questo amore maturo,  infantile..
Questo amore che pulsa giorno..
e notte.. senza tempo.. 
Questo amore che si addormenta.. ..
e si risveglia…  ogni mattina
Questo amore che balliamo.. ogni mattina.. .
Quest’amore che mi piaci..
Mi piaci quando ridi… 
perchè mi illumini.. 
mi immergi di luce..
mi ubriachi di allegria..
Amo in te.. questa voglia di ridere..
e scherzare..
Di riflettere e pensare..
Amo in te quella voglia di partire all’improvviso..
Amo in te i tuoi lamenti mattutini…..
Amo in te il parlare la notte..
Amo in  te..
La tua attenzione..
il tuo modo di amare..
 la tua mente..  
Ed Il tuo corpo
Il tuo corpo
disegno astratto dei miei desideri.. 
percorso impervio di infiniti piaceri..
incarnazione di fantasie..
il tuo corpo
che bramo.

L'amore al primo posto.. prima di ogni cosa..
l'amore è l'emozione che da colore... alla vita..
senza amore si può vivere..
ma vivere con l'amore è
tutta un altra storia.....!

Per dovere di cronaca.. la poesia..
è una fusione arrangiamento..
di tre poesie magnifiche..
Mi piaci quando taci Pablo Neruda
Questo amore di Prevert
Ode al vino di Pablo Neruda

Non sono un poeta.. 
nè sono un intellettuale..
sono piuttosto ignorante.. 

SOMMARIO  BLOG
  
altre web- opere
 
Il mio primo sito
 
Approccio politico alla fotografia

Approccio satirico alla fotografia  

Germania giugno 2005
 

Cuba luglio 2006



RASSEGNA STAMPA

 

 

       
     

 

  

   
  
  

  

 

Locations of visitors to this page

 
22 giugno 2007

GIUSTIZIA SI AVVICINA..Aldrovandi, 4 poliziotti rinviati a giudizio per omicidio colposo



Purtoppo le cose serie le fanno solo la sera.. tardi.. per distoglierci.. 
alla realtà che ci circonda..

 Mercoledì il gup di Ferrara ha rinviato a giudizio Paolo Forlani, Monica Segatto, Enzo Pontani e Luca Pollastri, i quattro agenti della polizia di Stato di Ferrara accusati di omicidio colposo per la morte di Federico Aldrovandi, avvenuta il 25 settembre 2005 durante un intervento della polizia. Ed è stata fissata per il 19 ottobre la prima udienza del processo, a Ferrara, a carico dei quattro poliziotti imputati per la morte del diciottenne.

L'opinione pubblica cominciò ad interessarsi del caso dopo che la madre di Federico, Patrizia Moretti, un anno e mezzo fa aprì un blog che diventò un caso nazionale e fece riaprire l'inchiesta. Come si legge nella richiesta di rinvio a giudizio firmata dal pm Nicola Proto e dal Procuratore capo Severino Messina, i quattro poliziotti delle «volanti» hanno ecceduto «i limiti dell'adempimento di un dovere». Un eccesso colposo che ha «cagionato o comunque concorso a cagionare il decesso di Federico Aldrovandi» e che ha portato la Procura a richiedere per gli agenti il processo: un reato per cui, come recita il capo di imputazione, è prevista la pena dell'omicidio colposo.

I quattro agenti erano intervenuti all'alba del 25 settembre 2005 in via Ippodromo, dove era stata segnalata la presenza di un giovane in stato di forte agitazione. Durante l'intervento di polizia per immobilizzare il diciottenne, i quattro agenti, secondo la Procura, si sono resi responsabili di omissioni e imprudenze. In particolare, viene contestato il ritardo con cui chiamarono il 118; secondo l' accusa, inoltre, la condotta dei poliziotti è da considerarsi «imprudente», per aver «ingaggiato una colluttazione» con Aldrovandi «eccedendo i limiti del legittimo intervento».

Pur in superiorità numerica, prosegue il pm, gli agenti «percuotevano Federico Aldrovandi in diverse parti del corpo facendo uso di manganelli (due dei quali andavano rotti, ndr)». Un intervento che non si è fermato nonostante il ragazzo «in più occasioni» avesse chiesto di smettere «con la significativa parola basta, mantenendo al contrario lo stesso Federico Aldrovandi, ormai agonizzante, in posizione prona ammanettato, così rendendone difficoltosa la respirazione». Sia la posizione, sia lo sforzo compiuto durante la colluttazione, sono indicate come concause del decesso. Secondo i difensori, invece, questo nesso causale è tutto da dimostrare. 


http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=66918

http://federicoaldrovandi.blog.kataweb.it/federico_aldrovandi/2007/06/zona-del-silenz.html#comment-73506278

Anche chi l'ha visto farà un intervento!




permalink | inviato da laBANDAdelTORCHIO il 22/6/2007 alle 14:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

La mia regina.. e/o ragione di vita..
Riflessioni e disgressioni di una mente pensante
Ho ritrovato La mitica Principessa Zaffiro
Un amico che la pensa in maniera opposta alla mia
L'informazione indipendente
La dolce patafrulli
Capolinea! Scendere signori
Una cumpagnella
Concepire l'arte oggi!
L'Ambiente prima di tutto
Pensieri politici e dintorni
Politica al femminile
Michela
Giostre Mentali
Inviata Speciale
Volete capire le donne? provateci qui..
Bevo Assenzio
Un certo sorriso
Jonas da Napoli
L'ambiente di Fabio
Triton
Immagini
Lazzaro Blu
Ema & Tizi
Bloggerperfecto
Pomodorina
Controinformazione
Musica con classe
Da Cuba..
Gnagnoletta!!!
Dolce come il cioccolato
Draculia
Fiore di Campo
Diluvio
Vulvia
Se lo dice lei...
Un posto meraviglioso
La mia fede
La mia gioia
La mia religione
La mia lettura
Dal XV Municipio di Roma
Bread and Roses all'italiana



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     maggio        luglio